Una idea "giovane" di città

TeenCarTo un piano adolescenti per Torino

Parole chiave: adolescenti (7), torino (731), città (139), progetto (35)
Una idea "giovane" di città

La città vista attraverso il punto di vista e il contributo di 600 adolescenti torinesi provenienti da 16 scuole secondarie di secondo grado. È questo che vuole essere TeenCarTO, un progetto promosso dall’Assessorato alle Politiche Educative nell’ambito del Piano Adolescenti, un atto strategico della Città, con cui si intende rilanciare a livello cittadino una riflessione complessiva sull’adolescenza e definire linee di indirizzo per tradurre operativamente l’impegno della Città in iniziative insieme e a favore dei ragazzi.

 

«L’idea che abbiamo avuto – ha spiegato l’Assessore Mariagrazia Pellerino – è stata di chiedere alle ragazze e ai ragazzi di mappare, nei territori della città da loro frequentati, le risorse, le attività e le criticità, per far emergere ciò che le/gli adolescenti considerano come punti di qualità o di mancanza nel loro vivere quotidiano in città».

 

Attraverso questo progetto, realizzato in collaborazione con l’Università di Torino, le/gli insegnanti e le/gli studenti delle 16 scuole, la Città ha costituito dei gruppi che mappassero i luoghi della città per loro importanti nei 23 quartieri storici di Torino, incaricando il Dipartimento Culture Politica Società dell’Università e l'Associazione Italiana Insegnanti di Geografia (AIIG) di coordinare la costituzione dei gruppi e la mappatura da parte delle ragazze e dei ragazzi.

 

Il progetto si è svolto tra ottobre 2015 e febbraio 2016: sono state proposte sei ore di formazione in classe, a cui si è aggiunto il lavoro autonomo degli studenti, durante le ore di lezione o dopo la scuola. Ad integrazione delle loro informazioni è stato distribuito un questionario cartaceo per conoscere, in particolare, il loro parere su musei, biblioteche, impianti sportivi, centri di aggregazione giovanile, musica e cinema. Le mappatura messa a punto dalle ragazze e dai ragazzi è stata realizzata su First Life, piattaforma prodotta dal Dipartimento di Informatica dell’Università di Torino attraverso un bando «Smart Cities and Communities and Social Innovation» del Miur.

 

Tale piattaforma ha la capacità di promuovere la circolazione di informazioni fra persone che fanno parte della stessa comunità, quartiere o piccolo comune e permette di condividere informazioni su mappe on line fra cittadini che hanno interessi simili e utilizzano gli stessi spazi pubblici. Sono stati inseriti 2.750 luoghi, suddivisi in dieci categorie, con un approfondimento sulla città ‘immaginata’. Su ogni luogo o edificio della mappa (che sarà aggiornata in real-time) ciascun utente potrà inserire commenti o suggerimenti attraverso una app dal proprio cellulare in un vero e proprio social network.

Tutti i diritti riservati

Attualità

archivio notizie

16/02/2018

La biblioteca personale di Carlo Donat-Cattin

La riunificazione di migliaia di volumi per continuare a studiare, vita, pensiero e azione politica del leader democratico cristiano in vista del centenario della nascita

16/02/2018

Meditazione sul Crocifisso

La riflessione dello psichiatra e psicoterapeuta per il Venerdì Santo 2016. Perchè interrogarsi fino in fondo

16/02/2018

Chiesa e mass media, un'alleanza necessaria

Parte il Master di Giornalismo voluto da mons. Nosiglia per operatori pastorali e della comunicazione 

16/02/2018

Milioni di volti

Negli sguardi dei più disperati e poveri l'amore di Gesù Cristo